Rassegna Stampa

9 Gennaio 2010

I Vini d'Italia 2010 - Le Guide de L'Espresso

Elisabetta Foradori è stata negli anni Novanta la principale artefice del rilancio del Teroldego Rotaliano, di cui è anche una delle interpreti più sensibili, Il suo Granato, la selezione più severa e prestigiosa (prodotta solo nelle annate ritenute all’altezza), è diventato infatti nel tempo una delle etichette “cult” della tipologia.

Con una scelta strategicamente (e commercialmente) coraggiosa, Elisabetta Foradori ha deciso di differire di un anno l’uscita delle sue nuove annate. I riassaggi degli ottimi 2006, nonché le prime degustazioni della gamma di rossi delle vendemmie 2007 e 2008, le danno pienamente ragione: rare volte, come in questo caso, l’autenticità della lavorazione e la personalità dei singoli prodotti vengono con tanta chiarezza concedendo ai vini un adeguato affinamento.

torna alla rassegna <
torna alla rassegna < copertin-web.jpg
ita | eng